Novità sul web: la registrazione dei domini .it in pochi istanti

| 29 set 2009
Da ieri 28 settembre la registrazione dei domini .it avverrà tutta in un unico step, è entrata in vigore la nuova procedura sincrona di registrazione dei domini che andrà a sostituire quella asincrona attualmente in uso. Con il nuovo sistema la registrazione avverrà in tempo reale attraverso un protocollo EPP (Extensible Provisioning Protocol).

Prima di ieri, chi voleva registrare un dominio .it doveva attuare una procedura lunga anche giorni, dato che una volta prenotato il dominio doveva inviare un fax con la Lettera di Assunzione di Responsabilità all'Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa. Dal 28 settembre 2009 la trasmissione in tempo reale della domanda permetteall'utente che effettua la registrazione di ricevere un codice che gli garantisce la proprietà del dominio all'istante.



Leggi tutto...

Google a tutto campo: acquista reCaptcha e si accorda con On Demand Book

| 18 set 2009
Google ha comprato la società reCaptcha, nata come sistema anti-spam, basato sul riconoscimento di caratteri da parte degli utenti. Il sistema reCaptha permette agli utenti, inserendo l'immagine di una parola, di provare che non sono dei "robot". ReCaptcha, che ha l'impegno di digitalizzare 130 anni di archivi del New York Times entro il 2010, migliorerà così la capacità dei suoi strumenti di riconoscimento ottico per leggere come essere umani.
Novità anche da Google Book: Mountain View ha stretto un accordo con On Demand Books, la società ideatrice della Espresso Book Machine , una stampatrice in grado di produrre 300 pagine in 4 minuti, che dai prossimi giorni potrà avere accesso all’immenso archivio digitale di Google. Grazie a questo accordo l’immenso patrimonio del più grande patrimonio digitale del mondo potrà essere facilmente trasferito su carta.

Teknologism
Leggi tutto...

Google: arriva Chrome 3.0, e tra poco anche la versione per Mac.

| 17 set 2009
In casa Google si lavora senza tregua, non manca giorno in cui non vi siano notizie rilevanti da Mountain View: l'azienda ha appena lanciato Chrome 3.0 e si prefigge di rilasciare la versione Mac del suo browser entro pochi mesi.
Continuano a migliorare le versioni di Chrome, sia nell'interfaccia sia nelle prestazioni: ricco di temi personalizzabili e sempre più veloce. Oltre al rilascio del 3.0 Google ha annunciato di voler continuare ad aggiornare costantemente e spesso questa versione di Chrome. Nell'ultimo anno, come si legge dal blog di Google, il team di sviluppo di Chrome ha rilasciato 51 versioni per sviluppatori, 21 beta e 15 release stabili del proprio browser, correggendo in tutto oltre 3500 bug.
Inoltre ha annunciato di voler aprire nuove partnership per favorire la diffusione tra gli utenti del suo browser. La notizia più importante che riguarda Chrome e che ci apprestiamo a ricevere nei prossimi mesi è la prossima release per il mondo Apple.

Teknologism


Leggi tutto...

Facebook: 300 milioni di utenti e bilancio in attivo

|
Facebook raggiunge la quota di 300 milioni di utenti e nel contempo annuncia di aver generato degli utili. Il social network è ad una svolta e lo ha annunciato lo stesso Mark Zuckerberg, co-fondatore ed attuale amministratore delegato del social network.
Le previsioni solo pochi mesi fa parlavano di un attivo raggiungibile grazie agli introiti pubblicitari solo per il 2010, la notizia di questi giorni non può che rendere di buon umore i responsabili del social network.
Facebook contina a detenere un trend di crescita elevato, a luglio il numero degli iscritti era di circa 250 milioni, in circa 2 mesi quindi, vi sono stati 50 milioni di nuovi iscritti.

Secondo il Wall Street Journal, Facebook dovrebbe chiudere il 2009 con ricavi superiori ai 500 milioni di dollari, pari a una crescita di oltre il 70% sul 2008. Il numero degli iscritti mostra un trend sempre piu' positivo: 200 milioni ad aprile, e dopo tre mesi, a luglio, 250 milioni.

Teknologism
Leggi tutto...

Bing: Microsoft sfida Google Images con il Visual Search

| 16 set 2009
Microsoft ha lanciato la sfida a Google Images, lo fa con una nuova funzione di Visual Search su Bing. La nuova funzione effettua la ricerca delle immagini non utilizzando parole chiavi basandosi quindi sul testo, ma attraverso la vera è propria immagine.

In Bing le immagini sono presenti in gallerie fotografiche che legano le singole fotografie con chiavi di ricerca che fanno risparmiare circa il 20% del tempo rispetto alla ricerca testuale restringendo sempre più il campo di ricerca.
Per adesso Bing funziona solo per gli USA e con poche categorie, tuttavia Microsoft ha fatto sapere di voler continuare a sviluppare Visual Search e promuoverlo negli altri paesi.La nuova funzione di Bing fa parte della strategia che Microsoft sta attuando per rincorrere Google. Il motore di ricerca Bing, lanciato a giugno, è stato già accolto positivamente negli Stati Uniti, dove ha recuperato quote di mercato fino a raggiungere il 10% del suo settore.

Teknologism



Leggi tutto...

Portabilità del numero: il Cosiglio di Stato ha deciso, massimo 72 ore per cambiare operatore

| 15 set 2009
Cambiare operatore al cellulare ora si deve fare in tre giorni: lo ha deciso il Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso dell'Agcom sulla portabilita' del numero, sospendendo una sentenza del Tar del Lazio. La sentenza del Tar Lazio aveva annullato una disposizione emanata da AGCom, secondo la quale gli operatori avevano 72 ore di tempo per completare le pratiche di passaggio dei loro clienti ad altri fornitori.
Il Consiglio di Stato quindi fa ritornare a tre giorni il limite massimo per gli operatori telefonici per effettuare la portabilità del numero.
Al Tar Lazio si erano rivolti i gestori telefonici italiani per far bloccare la direttiva 78/08 di AGCom che obbligava gli stessi a effettuare il procedimento entro 72 ore, di fatto si verificamano portabilità lunghe anche un mese.
A ricorrere al Consiglio di Stato sono stati: Autorita' per le garanzie nelle Comunicazioni, Wind, H3g, Poste Mobile ed alcune Associazioni dei consumatori.

Teknologism
Leggi tutto...

MIcrosoft finanzia il progetto open source di Codeplex

| 14 set 2009
La notizia è strana ma pare sia vera: Microsoft ha deciso di finanziare l'open source. L'azienza ha deciso di finaziare con un milione di dollari CodePlex, una fondazione no profit a favore dell'open source. Sam Ramji, manager Microsoft incaricato dell'opensource, ha affermato che CodePlex avrà il compito di incrementare la partecipazione nei progetti open source da parte di Microsoft. Microsoft fa sapere che la fondazione agirà in totale indipendenza e da Dicembre saranno nominati nuovi membri del consiglio di amministrazione lontani dall'azienda di Redmond.
'Abbiamo deciso di donare un milione di dollari per aiutarla nel suo primo periodo di attività' - ha spiegato Bill Staples, dirigente di Microsoft e coinvolto nel CdA della Fondazione CodePlex - ma 'è importante notare che la fondazione è e sarà completamente libera di decidere'.
Nel Consiglio di Amministrazione provvisorio fino a Dicembre della Codeplex c' è anche Miguel de Icaza, il creatore del progetto Gnome, mantainer di Mono e vicepresidente di Novell, sospettato da tempo all'interno della comunità open source di una stretta vicinanza alla Microsoft.

Teknologism


Leggi tutto...

Internet: IEEE ratifica lo standard Wi-Fi LAN 802.11n

|
Finalmente la wireless LAN 802.11n è divenuta standard ratificato da IEEE. La notizia è stata resa nota dal blog di Bruce Kraemer, coordinatore del gruppo che ha seguito lo sviluppo del potocollo, che afferma: 'Dopo sei anni, una dozzina di bozze e due anni di prodotti disponibili sotto certificazione Wi-Fi Alliance, l'IEEE ha approvato la versione finale delo standard 802.11n'.

"Questa è stata una sfida tecnica su ampia scala che ha richiesto uno sforzo continuo e la concentrazione di una vasta varietà di partecipanti. Quando abbiamo iniziato, nel 2002, molte delle tecnologie applicate allo standard erano temi di ricerca nelle università e non erano ancora state implementate", ha dichiarato Bruce Kraemer, presidente dell'IEEE Wireless LAN Working Group.
I prodotti certificati Wi-Fi Alliance sono statilanciati nel giugno 2007 e, secondo ABI Research, hanno già conquistato il 47% di tutti i chipset Wi-Fi venduti nel 2008.Si aprono importanti nuove potenzialità per le azinende con questa standardizzazione dellla wireless LAN grazie alla raggiungibile velocità di 300Mb al secondo.

Teknologism

Leggi tutto...

Telefoni e radiazioni: stilata la classifica dei più inquinanti

| 13 set 2009
L'Environmental Working Group (www.ewg.org) ha stilato la classifica dei cellulari a più alte emissioni di elettrosmog nel mondo:Samsung Impression (SGH-a877) finisce in testa alla classifica della sostenibilità della telefonia mobile. Si puà notare come Samsung sia il gruppo che esce messo meglio dall'indagine con 5 cellulari nella top 10; tuttavia è importante notare come in questi dieci non compaia alcun cellulare tra i più venduti.
Lo studio ha riguardato circa 1268 modelli di cellulari, tra i quali i peggiori sono risultati Kyocera Jax s1300, Motorola Moto VU204 e T-Mobile myTouch 3G sono i telefonini che emettono di più con 1,55 Watt per chilogrammo. Segue il Blackberry Curve al quarto posto con 1,54 Watt/Kg, mentre l'iPhone naviga a metà classifica con 1,19 W/kg. Tra i migliori, il Samsung Impression, con 0,35 W/kg, e il Motorola RAZR V8, con 0,36W/Kg, altri modelli della Samsung e della Motorola, oltre al T-Mobile Sidekick (0,50W/Kg) e al nuovo Blackberry Storm 9530 (0,57W/Kg).
L'indagine è stata condotta dall'Environmental Working Group (EWG), gruppo che si occupa delle rilevazioni al fine di risollevare un dibattito che si considera troppo poco approfondito per potersi considerare chiuso. L'EWG spiega come l'uso dei cellulari non possa certo essere messo da parte, ma al tempo stesso suggerisce di badare ai dati così che si possano limitare i danni eventualmente causati da una prolungata ed eccessiva esposizione alle radiazioni emesse.

Teknologism

Leggi tutto...

Anche Motorola nel mondo smarthphone con CLIQ, il googlephone del web 2.0

| 11 set 2009
Anche Motorola sbarca nel mondo degli smartphone con Android, l'OS open source di Google. Il 2009 è stato l'anno del googlephone anche per Motorola quindi, presentando CLIQ durante Mobilie 09.
A CLIQ hanno lavorato in team circa 350 persone, e presenta diverse caratteristiche da smartphone.
CLIQ si presenta come un terminale 3G con display touchscreen HVGA (320x480 pixel) da 3,1 pollici, una camera da 5 megapixel (24 fps per i video), connettività WiFi, jack per auricolari da 3,5 mm, supporto alla visualizzazione, alla cattura e allo streaming di video e a un discreto numero di formati multimediali.
CLIQ, che sarà noto in Europa con il nome di DEXT, presenta una facile interazione con il mondo dei Social Network;possibile interagire quindi sulla home screen con Facebook, MySpace, Twitter e Gmail, Google Maps e YouTube.

Teknologism
Leggi tutto...

Far pagare le notizie online? Google News ci sta pensando

|
Non è solo Rupert Murdoch che vuole far pagare la versione online dei quotidiani, anche Google News sta pensando ad un opzione simile. Il centro di ricerca sui media dell'Universita' di Harvard ha annunciato un sistema messo a punto allo scopo. Secondo il Nieman Journalism Lab, situato nel campus di Harvard, Google avrebbe gia' sottoposto il suo progetto all'Associazione dei giornali americani. L'idea dell'azienda di Mountain View è quella di predisporre un modello a micropagamenti o ad abbonamento per un gruppo di testate online.
Ancora tutto è da decidere, e sicuramente non si pagherà nè domani nè nei prossimi mesi per accedere alle notizie di Google News, tuttavia questo rappresenta un segnale importante circa la strada che ha forse deciso di intraprendere Google. Sarà la sua ricchezza od una sofferenza? vedremo...

Teknologism
Leggi tutto...

Google Maps ed Hasbro lanciano il “Monopoly City Streets”, il monopoli online

| 10 set 2009
Il Monopoli, mitico gioco da tavolo, ritorna in una nuova versione online grazie a Google; l'azienda americana Hasbro e Google hanno sviluppato “Monopoly City Streets”.
La nuova versione del gioco si basa su Google Maps e Open Street Map dove i giocatori possono acquistare proprietà di ogni genere sulle mappe digitali predisposte dall'azienda di Mountain View. Le regole sono quelle classiche del vecchio Monopoli.
Ogni giocatore riceve, al login, una dote iniziale di 3 milioni di dollari che potrà utilizzare per realizzare il suo impero immobiliare, effettuando compravendite in tutto il mondo.
Il gioco è stato lanciato il 9 settembre, e sarà disponibile per ora in versione test per i prossimi 4 mesi.
Oltre ad acquisti di terreni e fabbricati, si possono svolgere svariate attività finanziarie: acquisti di giornali, concessioni alla realizzazione di holding, acquisto di società di servizi e di catene di alberghi e ristoranti.
Il blog del gioco in versione online è il seguente : http://blog.monopolycitystreets.com/
Leggi tutto...

Google mette il copyright sul layout della sua homepage

| 04 set 2009
Graphical user interface for a display screen of a communication terminal: dal 1 Settembre 2009 anche la grafica dell'homepage di Google ha il copyright; l'azienda americana di Mountain View ha brevettato la sua interfaccia utente presso l' Us Patent and Trademark Office degli Stati Uniti.
Ripetutamente negli anni si era assisitito a numerose copie della prima pagina del famoso motore di ricerca; con questo brevetto Google si appropria del proprio aspetto grafico caratteristico diventato di fatto nel tempo un elemento caratterizzante.
E'finita quindi per i creatori di lay out l'era d'ispirazione a Google per le loro creazioni, ninete più casella grande per le ricerche, i due bottoni al di sotto di essa e una disposizione link simile a quella del motore di ricerca. Ed ora per molti motori di ricerca nati ispirandosi all'interfaccia grafica di Google è arrivato il tempo di rivedere i loro lay out.

Teknologism
Leggi tutto...

Nokia N97 mini: lo smartphone che incontra Facebook

| 03 set 2009
Al Nokia World di Stoccarda di questi giorni la fa da padrona il nuovo Nokia N97 mini, figlio del Nokia N97 che già si trova nei negozi da Giugno e del quale sono stati venduti già due milioni di pezzi. Il nuovo N97 mini - 150 grammi, 113 x 52,5 x 14,2 millimetri - è un vero mobile computer che ha la sua forza nella facile interconnessione con i più importanti social network della rete come Facebook.
Display widescreen multisensoriale, fotocamera da 5megapixel, tastiera estesa e eleganti finiture in metallo, la possibilitò di personalizzare la pagina iniziale e restare collegato alle persone, ai contenuti e ai servizi più interessanti: questo ed altro ancora caratterizza l'N97 mini.
Altre caratteristiche non meno importanti sono la memoria interna da 8 Gbyte espandibile con scheda Sdhc, la connettività Hsdpa, Wi-Fi, Bluetooth ed il modulo Gps.
Questa nuova versione mini sarà nei negozi per la fine di settembre al costo di 529 euro Iva inclusa.

Teknologism
Leggi tutto...

Sony da oggi preinstalla Google Chrome sui suoi Vaio

|
La Sony ha scelto Chrome, il browser di Google. Chrome sarà preinstallato in tutti i portatili e fissi della serie Vaio della Sony. In un certo senso Google sta attuando una politica che per anni ha attuato la Mcrisoft offrendo pronto all'accensione del PC un browser già preinstallato. La differenza sta nel fatto che Chrome è gratuito, Explorer non lo è mai stato.
Oltre all'accordo di prenistallazione su Vaio, Google è riuscita ad ottenere la distribuzione gratuita di Chrome in abbinamento al download del software RealPlayer.
In ogni modo la sfida è stata lanciata, non solo allo scontato Explorer, ma anche alla cavalcata di conquista-utenti di Firefox. Secondo le ultime statistiche Internet Explorer avrebbe ancora il 68% del mercato dei browser, Firefox detiene circa il 23%, Safari circa il 4%, Chrome in fondo con un attuale quasi 3%. Ma ci aspettiamo tutti che cambi.

Teknologism
Leggi tutto...

Ebay cede il 65% di Skype

| 02 set 2009
Ebay cede il 65% del capitale di Skype a una cordata di investitori guidata dalla società di private equity Silver Lake, nell'ambito di una transazione del valore di quasi due miliardi di dollari.
eBay riceverà 1,9 miliardi di dollari in contanti e 125 milioni in titoli obbligazionari dal gruppo di investitori che vede fra gli altri Index Ventures, Andreessen Horowitz e il Canada Pension Plan Investment Board. Il valore di Skype è stato stimato intorno a 2,75 miliardi, un prezzo superiore a quello atteso da molti analisti, che avevano già bollato come eccessivi i 2,6 miliardi sborsati per il suo acquisto nel 2005, quando a guidare di eBay era Meg Whitman.

La separazione è stata accolta con una certa diffidenza, almeno nei suoi termini, da Wall Street, dove ieri eBay ha perso il 2,40%. Per John Donahoe, ad del sito di aste online si tratta invece di «un ottimo accordo, vantaggioso per Ebay e dal potenziale enorme per Skype». Secondo il Ceo, il gestore telefonico Internet del resto non ha mai avuto le caratteristiche per operare con eBay. L'unione ha mostrato i primi segnali di crisi già dopo alcuni mesi culminando con l'uscita di scena della Whitman lo scorso anno.

Il progetto era di utilizzare il servizio telefonico online di Skype, che usa il protocollo «Voice over Internet», per mettere in contatto gli utenti di eBay. Ma le due società si sono rivelate poco compatibili, inoltre il sito di aste online è stato costretto a pagare circa 1,4 miliardi di dollari di costi straordinari, procedendo nel 2006 a una svalutazione del valore di Skype a 1,2 miliardi di dollari. Per Donahoe, subentrato a Whitman, le due società non hanno mai trovato le sinergie cercate, e per questo subito dopo il suo insediamento ha annunciato un piano di scorporo con lo sbarco in borsa di Skype entro il 2010.

Nel frattempo eBay ha continuato a cercare acquirenti arrivando a trattare - secondo indiscrezioni - con Google, che alla fine avrebbe desistito per il rischio di creare tensioni con le società telefoniche a cui è legata per il progetto Android. Anche i fondatori di Skype, Niklas Zennstrom e Janus Friis, hanno tentato di ottenere il controllo della loro creatura assieme ad alcune finanziarie, ma la loro offerta è stata bocciata perché troppo bassa. Per Skype che nel secondo trimestre ha registrato un aumento dei ricavi del 25% e una crescita di utenti oltre quota 480 milioni, «la cessione significa non solo essere di nuovo indipendenti - dichiara il Ceo Josh Silverman - ma poter contare su un gruppo di investitori che crede molto nei nostri obiettivi e nelle nostre capacità».

(Fonte: La Stampa)

Teknologim
Leggi tutto...